Il Ministero cambia lingua e usa l’inglese: flipped classroom, learning by doing, job shadowing, mentoring, coaching, counselling … viene il sospetto che alla base della scelta linguistica di tradurre pratiche didattiche interessanti, sensate e potenzialmente efficaci in formule che l’anglo-pedagoghese rende astruse ed esoteriche ci sia uno stravagante e non so quanto consapevole presupposto: che l’uso dell’inglese sia la condizione necessaria e sufficiente per rendere automaticamente qualsiasi proposta più moderna, attraente, realizzabile e operativa.

Leggi l’articolo completo http://www.internazionale.it/opinione/annamaria-testa/2016/11/28/studio-lingua-miur

Annunci